Visita Virtuale


Foto

Galleria Immagini


Loggia dell'Ammannati

Progettata da Bartolomeo Ammannati nel 1577, la Loggia costituisce un elemento del complesso programma di ricostruzione del Palazzo proposto agli Anziani dall’architetto fiorentino a seguito dei gravi danni prodotti dall’esplosione di una polveriera nella notte tra il 28 e il 29 agosto del 1576.
Il corpo di fabbrica fu voluto a chiusura dell’attuale cortile degli Svizzeri e si configurò come l'ingresso d'onore del Palazzo. La Loggia si presenta oggi come una maestosa galleria che domina Piazza Napoleone con le sue finestre di arenaria che la rendono luminosa.
La facciata principale presenta un piano terreno compatto dove si apre un portale centrale incorniciato da bugne rustiche in pietra di Guamo. Ai due lati, simmetricamente, si dispongono nicchie ed elementi decorativi in pietra. Al piano primo tre serliane sono alternate da finestre architravate con cornici modanate in pietra arenaria.
La facciata interna sovrappone alle terrene cinque arcate con ghiere a raggiera di conci bugnati su pilastri tuscanici rivestiti a bozze rustiche, l’ariosa galleria aperta con cinque serliane. Bruna pietra di Guamo al piano terreno; grigia pietra di Matraia al piano primo. Nei setti murari tra le arcate, Ammannati pone mensole mostruose, tipiche del gusto manieristico per le forme fantastiche.